Stati Generali della ricerca sanitaria

Gli Stati Generali della ricerca sanitaria, il 27 e il 28 aprile all’Auditorium del Massimo di Roma, saranno l’occasione per fare il punto della situazione sulla ricerca scientifica nel nostro Paese. Una due giorni ricca di incontri e tavoli di discussione a cui parteciperanno le più alte cariche istituzionali, autorità accademiche e scientifiche, ricercatori e rappresentanti dei pazienti, del mondo industriale, della finanza.

L’obiettivo dell’evento sarà quello di tracciare e condividere nuovi modelli e soluzioni che mettano al centro le eccellenze e le potenzialità della ricerca sanitaria italiana, analizzando limiti e criticità del sistema, aprendo un confronto metodico, continuo e regolare con le comunità scientifiche internazionali e favorendo la mobilità dei ricercatori da e verso il nostro Paese. La tavola rotonda di apertura degli Stati Generali darà il via a riflessioni e approfondimenti sugli investimenti economici destinati alla ricerca sanitaria, offrendo una panoramica allo stato dell’arte e presentando le nuove risorse disponibili per il rilancio del settore.

Le sessioni parallele saranno dedicate al confronto tra ricercatori, università e aziende e ad analisi e studi di argomenti tematici: industria e biomedicina, per fare il punto su ricerca e innovazione nel settore farmaceutico e delle tecnologie sanitarie; l’evoluzione della ricerca scientifica nell’agroalimentare; le implicazioni per la salute pubblica dei progressi nell’ambito della genomica; i processi e le strategie di trasferimento tecnologico da parte degli Istituti di ricerca. La seconda giornata degli Stati Generali si aprirà con un convegno sulle strategie per incrementare il grado di competitività della ricerca italiana in Europa.

Le sessioni tematiche saranno dedicate all’incontro tra ricercatori e venture capital, alla diffusione e all’applicazione delle nuove tecnologie nella ricerca biomedica e ai benefici per pazienti e medici, a un confronto tra ricercatori e studenti delle scuole superiori per stimolarne la curiosità e l’avvicinamento al mondo della scienza. La chiusura dell’evento sarà incentrata sulle nuove normative che regolano la progressione professionale dei ricercatori e sulla presentazione dei finanziamenti e dei bandi di ricerca per il 2016.

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on Google+